News

Cortina inCroda apre con il tutto esaurito.

10/07/2010

Il presidente dell‚??associazione Cortina inCroda, Lo Scoiattolo, Mario Lacedelli, e il sindaco di Cortina Andrea Franceschi, hanno slacciato i moschettoni per dare il via alla seconda edizione di Cortina inCroda.
Il pubblico delle grandi occasioni ha affollato il teatro Alexander Girardi per una serata emozionante, che ha commosso, appassionato, e dato molti spunti di riflessione per il futuro delle Dolomiti patrimonio dell‚??Unesco.

Lacedelli dando il benvenuto ha voluto citare una frase di un capo Sioux: ¬ęGrande √® la fede di chi sposta le montagne, ma ancora pi√Ļ grande √® la fede di chi ha capito che stanno bene dove sono¬Ľ. Lacedelli che ha sottolineato di amare profondamente le crode ha dato il via alla discussione sull‚??Unesco facendo capire come chi ama le montagne non ha necessit√† di brand particolari, ma le rispetta e le tutela.

Il sindaco Franceschi, ha sottolineato la vicinanza dell‚??amministrazione a Cortina inCroda. ¬ęGente di Cortina che sa emozionare Cortina, che lavora per Cortina, per offrire una manifestazione che ha avuto uno straordinario successo gi√† nella sua prima edizione. Da parte mia¬Ľ, ha detto, ¬ęringrazio i soci di Cortina inCroda e ribadisco che l‚??amministrazione vi sar√† sempre vicina in maniera concreata¬Ľ.

Un ricordo particolare e commovente dello Scoiattolo Marco Da Pozzo lo ha voluto regalare in apertura Mauro Corona, l‚??opinionista della prima edizione. ¬ęCortina inCroda¬Ľ, ha detto, ¬ęsar√† diversa perch√© manca un pezzo, quel ragazzo, modesto e dalle forti capacit√† alpinistiche¬Ľ.

In sala l‚??opinionista della seconda Edizione Erri De Luca, il presidente dell‚??Enit Matteo Marzotto, il vice presidente del Consiglio Regionale Matteo Toscani, e i due alpinisti Franco Nicolini e Mirco Mezzanotte. Dolomiti patrimonio Unesco. Per ora c‚??√® l‚??attestazione ottenuta a Siviglia, come ha ricordato Toscani, che era presente in Spagna. Ma manca uno slogan, manca uno spot, manca un‚??idea unica che faccia fruttare il riconoscimento a scopi ambientali e turistici.
Ed √® stato proprio Marzotto che a Cortina inCroda ha regalato un‚??idea di marketing per la fondazione Unesco. ¬ęDolomiti for life¬Ľ, ha proposto Marzotto, un‚??idea immediatamente raccolta dal direttore artistico della kermesse, Andrea Gris, che ha declinato l‚??opzione in varie possibilit√†: ¬ęDolomiti for children, Dolomiti, forever, Dolomiti for peace¬Ľ e molte altre. Il consiglio dell‚??esperto di maketing, quale √® a livello internazionale Marzotto, √® stato semplice ed efficace: ¬ęIo lascerei il termine Dolomiti¬Ľ, ha detto, ¬ęcos√¨ com‚??√® in italiano, perch√© l‚??Italianit√† delle Dolomiti a mio avviso deve rimanere, forte ed efficace. Poi aprirei all‚??internazionalit√† della seconda parte dello slogan, inserendo la parte in inglese. Lo slogan deve essere breve, ma di effetto, facile da ricordare e da pronunciare¬Ľ.
Idea colta al volo anche da Toscani. ¬ęSposo la proposta di Marzotto¬Ľ, ha detto, ¬ęsono infatti concorde nel ritenere che lo slogan debba essere unico e semplice. La fondazione Unesco sta lavorando in questo senso¬Ľ.
Irriverente la proposta di Erri De Luca: ¬ęDolomiti? Subito¬Ľ. L‚??opinionista di Cortina inCroda che ha sottolineato come per ora il vantaggio di avere il marchio Unesco sia pi√Ļ per l‚??Unesco che si √® accorto delle Dolomiti, che per i paesi dolomitici, ha voluto provocatoriamente dare una sferzata ai membri della fondazione Unesco.
De Luca ha elevato la serata ai massimi sistemi riscotendo numerosi e prolungati applausi. Lo scrittore napoletano, con la sua genialit√† e la sua innata semplicit√† ha ricordato di aver approfittato dell‚??appuntamento con Cortina inCroda per tornare a salutare l‚??albero di cirmolo che ha ispirato il suo racconto ne ‚??Il peso della farfalla‚?Ě sotto le Tofane.
Profondo conoscitore delle crode, amante della montagna, De Luca ha descritto la montagna come un misto tra un labirinto e il deserto: nel labirinto puoi perdere la via, ma nel deserto se scende la nebbia non riesci pi√Ļ a fare un passo. Bisogna vivere la montagna con saggezza, con intelligenza, consapevoli dei propri limiti.

Dolomiti patrimonio Unesco ma non solo.

La prima serata di Cortina inCroda si √® occupata anche di alpinismo, con Nicolini e Mezzanotte, che hanno ripercorso anche attraverso i video realizzati da Alessandro Manaigo la loro esperienza dolomitica. 106 vette dolomitiche scalate in 50 giorni con 90 mila metri di dislivello. Un‚??impresa unica ed adrenalinica.

Il fotografo Giuseppe Ghedina ha proposto un'interpretazione della natura, del bosco; foto che hanno raccontato al pubblico l‚??immensit√† della natura, i suoi segreti, la sua bellezza.

Il ‚??libraio magico‚?Ě di Cortina inCroda, lo Scoiattolo Marco Ghedina "Tomasc", ha consigliato due testi: ‚??Il Peso della farfalla‚?Ě di Erri De luca e ‚??Camminare‚?Ě di Henry David Thoreau.

E poi spazio agli Scoiattoli: Lorenzo Lorenzi ha raccontato le sue Dolomiti, la particolarit√† di scalare le crode dolomitiche; Carlo Gandini ha impartito una lezione sulla storia delle Dolomiti, e Mario Lacedelli sulle vie di arrampicata pi√Ļ emozionanti aperte sulle Dolomiti.

Una serata che è stata salutata da un lungo applauso e dai numerosi complimenti ricevuti dagli ospiti e dal pubblico.

Matteo Toscani complimentandosi con gli organizzatori ha voluto regalare un presente del Consiglio Regionale al presidente Mario Lacedelli.

Simone Moro a Cortina InCroda

Simone Moro attraverso immagini e narrazione racconterà a Cortina InCroda alcune pagine delle sue esploraz
segue...

Cortina InCroda presenta ‚ÄúThe Dawn Wall‚ÄĚ

Cortina InCroda porta a Cortina “The Dawn Wall”, nel contesto di un tour mondiale, che ha preso il via al Tren
segue...

The Dawn Hall

Venerdì 21 alle 21 proiettiamo al cinema Eden “ The Dawn Wall”, film di Peter Mortimer e Josh Lowell, che ha vinto la Genziana d
segue...

Cortina InCroda ospita venerdì 7 settembre Christoph Hainz.

Cortina InCroda in collaborazione con Salewa, ospita ven
segue...

EDIZIONI


SPONSOR

 
Cassa Rurale Cortina
 

PARTNERS & FRIENDS